I reporter di guerra. Storie di un giornalismo in crisi da Hemingway ai social network PDF

Winston Churchill diceva che in tempo di guerra la verità è così preziosa che bisogna proteggerla con una cortina di bugie. Era una bella ipocrisia, per nascondere la volontà - che è storia d'ogni Paese - di coprire la conoscenza della realtà o comunque di piegarne la conoscenza alle ragioni della politica. Oggi l'informazione è arma più importante di un esercito, perché il consenso dell'opinione pubblica è essenziale per qualsiasi strategia bellica. Nel nostro tempo, iperconnesso, ultravelocizzato, perduto in una rete dove la potenzialità della costruzione della conoscenza è senza limiti ma, molto spesso, anche senza strumenti critici di interpretazione dei flussi narrativi, l'uso dell'informazione è centrale. E la guerra - nel suo racconto drammatico - diventa la metafora più illuminante della complessità che accompagna la conoscenza della realtà e di come il giornalismo debba fare il proprio lavoro in una pratica quotidiana di difficile difesa della propria autonomia dai condizionamenti che ogni potere, governo e interesse tentano di imporgli. Il reporter di guerra diventa in questo libro il simbolo della ricerca costante della verità in un territorio dove i pericoli, i rischi, le minacce, non sono soltanto quelli d'una cannonata o d'una mina, o d'una milizia jihadista di tagliagole invasati, ma riguardano le difficoltà di verifica delle informazioni e i tentativi sempre più sofisticati di disinformazione. Cinema, letteratura, immaginario popolare, hanno fatto del reporter di guerra una figura mitica; questo libro ne racconta la storia dal primo corrispondente - in Crimea, nel 1854, quando si scriveva con la penna d'oca e l'inchiostro - ai giorni d'oggi, del Califfato, delle bombe intelligenti, dei droni e del collegamento in tempo reale dal campo di battaglia. Oggi Obama può guardare in diretta dalla Casa Bianca i commandos che ammazzano Bin Laden a 10 mila miglia di distanza, e il reporter di guerra scivola nell'ombra di una marginalità inquietante: sappiamo sempre di più, ma capiamo sempre di meno. Questo libro - nella metafora del racconto della guerra - ci aiuta a capire, e a difendere il nostro desiderio di sapere.

DIMENSIONE: 9,88 MB

DATA: 2016

AUTORE: Mimmo Candito

NOME DEL FILE: I reporter di guerra. Storie di un giornalismo in crisi da Hemingway ai social network .pdf

Winniearcher.com I reporter di guerra. Storie di un giornalismo in crisi da Hemingway ai social network  Image
Scarica l'e-book I reporter di guerra. Storie di un giornalismo in crisi da Hemingway ai social network in formato pdf. L'autore del libro è Mimmo Candito. Buona lettura su winniearcher.com!

Mimmo Càndito - Wikipedia

I reporter di guerra. Storia di un giornalismo difficile da Hemingway a internet, Libro di Mimmo Candito. Sconto 50% e Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Dalai Editore, collana I saggi, brossura, data pubblicazione marzo 2009, 9788860735423.

I reporter di guerra. Storia di un giornalismo difficile ...

Svela anche le glorie e le miserie di un giornalismo di frontiera, i trucchi, le colpe, i drammi di una professione sempre più in crisi, che spesso l'apparato propagandistico dei comandi centrali, hanno emarginato come strumento di conoscenza, imponendo le regole della guerra-spettacolo al vecchio mondo dell'informazione.

Chi sono io? La ricerca più sacra.pdf

L' ultima sonata. Un'indagine di Ardelia Spinola.pdf

Una festa per Pooh.pdf

Metal detector.pdf

L' esame di avvocato.pdf

Prima bevi il tè, poi fai la guerra. Un anno a Kabul.pdf

Infierno! 2.pdf

L' integrazione monetaria in Europa. Origini, crisi, istituzioni e teorie economiche.pdf

Baciami ancora una volta. Turbulence series.pdf

Focus Junior. Le più incredibili curiosità su cani, gatti & co..pdf

Se l'impossibile diventa possibile.pdf

Buona notte Nora.pdf

Gli effetti del contratto nei confronti dei terzi nella prospettiva storico-comparatistica. Atti del 4º Congresso internazionale Aristec (Roma, 13-16 settembre 1999).pdf