Turismo di massa e usura del mondo PDF

Se si è passati in poco tempo dall'uso del mondo all'usura del mondo, è perché la massificazione del desiderio turistico, camuffata da libertà di movimento, è avvenuta all'interno di una logica industriale che ha distrutto la dimensione simbolica del viaggio, trasformandolo in una «fuga d'evasione» da fare in tempi e luoghi deputati, e soprattutto passando sempre alla cassa. Ponendosi al servizio del consumo mondiale, il turismo è diventato, insieme alla televisione, agli antidepressivi e al calcio, uno dei più potenti anestetici che la società contemporanea elargisce ai suoi logorati cittadini, immersi in una ipermobilità che dà la misura della loro insoddisfazione. Eppure, nonostante la standardizzazione dei desideri e il saccheggio ambientale, il turismo mantiene intatto il suo potere incantatore. Forse perché il turista, lontano dal suo territorio originario, che ormai non conosce più, nutre la confusa speranza di trovare altrove ciò che gli manca a casa: una vita conviviale in un territorio ancora carico di senso. Senza accorgersi però che con la sua stessa presenza distrugge ciò che è venuto a cercare. Prefazione di Paolo Cognetti.

DIMENSIONE: 9,62 MB

DATA: 2019

AUTORE: Christin Rodolphe

NOME DEL FILE: Turismo di massa e usura del mondo.pdf

Winniearcher.com Turismo di massa e usura del mondo Image
Leggi il libro Turismo di massa e usura del mondo PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su winniearcher.com e trova altri libri di Christin Rodolphe!

Turismo di massa e usura del mondo | Christin Rodolphe ...

Il turismo, infatti, è nato nell'Ottocento come un fenomeno nobiliare e d'élite, ma è stato progressivamente interessato nel corso dei decenni da un processo di radicale massificazione. Dunque appare evidente che, come ha affermato Christin, «l'uso del mondo si sia degradato in usura del mondo» (p. 18).

Turismo di massa e usura del mondo: Amazon.it: Rodolphe ...

Difficilmente hanno viaggiato per turismo. Parte proprio da qui la riflessione del sociologo Rodolphe Christin, che nel suo Turismo di massa e usura del mondo, saggio pubblicato da Elèuthera proprio prima delle vacanze estive, ci invita a guardare la questione da un diverso punto di vista. Perché noi, invece, siano cresciuti nel mito del turismo.

Lettore, vieni a casa. Il cervello che legge in un mondo digitale.pdf

La figlia di Iorio.pdf

Crossover passivi per sistemi di altoparlanti.pdf

Elementi di economia per i corsi d'ingegneria.pdf

Lost Japan. Felice Beato e la fotografia di Yokohama. Ediz. illustrata.pdf

Gabriele Basilico. Dancing in Emilia. Catalogo della mostra (Modena, 23 novembre 2013-26 gennaio 2014). Ediz. italiana e inglese.pdf

Oltreconfine. Cronache dai mondi visibili e invisibili. Vol. 6.pdf

Mille miglia in cammino fino al golfo del Messico.pdf

La società multicaotica con il dizionario dell'antilingua.pdf

Ceneri alle ceneri. Testo originale a fronte.pdf

Poesie. 1946-1994.pdf

Le vite de' più eccellenti pittori scultori e architettori. Vol. 2.pdf

Riflettersi nelle relazioni. Conoscere e migliorare se stessi usando gli altri come specchio.pdf

La spiritualità degli animali.pdf

Decamerino. Novelle dietro le quinte.pdf

Paradiso I-XVII. Edizione critica alla luce del più antico codice di sicura fiorentinità.pdf